Criostato ottico a ciclo chiuso con basetta ottica integrata

Cryostation s200 (Nanoscale Workstation) da Montana Instruments

La Cryostation s200 (Nanoscale Workstation)n offre un intera basetta ottica raffreddata per configurare i propri esperimenti di ottica a temperatura variabile.

La basetta raffreddata consente ampia libertà di montaggio di sonde, nanoposizionatori ed ottiche direttamente su di essa.

Lo spazio campione è accessibile dall'esterno attraverso otto accessi ottici (sette radiali ed uno verticale) e numerosi passanti elettrici, RF, fibre ottiche o per il trasporto di gas. I vari punti di ancoraggio garantiscono il mantenimento delle prestazioni in temperatura.

Features
Basette ottiche intercambiabili: possibilità di allestire diversi esperimenti ciascuno su un diversa basetta
Temperatura minima 4.3K con stabilità di 20mK
Stabilità in vibrazione <15nm picco-picco
7 posizioni di ancoraggio allo schermo termico
Spazio campione: 195mm dia x 71mm h

Con la Nanoscale Workstation i setup sperimentali e le misurazioni a temperatura ambiente possono essere eseguiti facilmente e senza ostruzioni grazie al particolare design della camera del campione. Senza possibilità di compromettere il montaggio del campione sarà poi possibile installare lo schermo termico ed il coperchio della camera e, fatto il vuoto, variare la temperatura.

La camera del campione offre un ancoraggio rigido al tavolo ottico che risulta privo, o quasi, di deriva termica, grazie all'impiego di speciali materiali e al design compensativo. Questi elementi permettono inoltre alla Cryostation di offrire, insieme alle basse temperature, bassissime vibrazioni al campione, minori di 15 nm picco-picco, nonostante l'utilizzo di un criorefrigeratore Gifford-McMahon che garantisce una temperatura minima di 4.3K ed un potere refrigerante di 0.1W @ 5.3K.

La stabilità in temperatura di 20mK picco-picco sotto i 5K è resa possibile dall'utilizzo di sistemi attivi e passivi di stabilizzazione in attesa di brevetto.

Le operazioni tradizionali della criogenia (il pompaggio del vuoto, il raffreddamento, la stabilizzazione della temperatura, il riscaldamento del sistema, ecc.) sono completamente automatiche nella Cryostation s200 come in tutti i criostati di Montana Instruments. Tutti i parametri di controllo del sistema sono automaticamente ottimizzati per minimizzare il raffreddamento e ridurre i costi di gestione. La diagnostica e il monitoraggio dello stato dei componenti del sistema anche  sono effettuati automaticamente, così da rendere facile la risoluzione di eventuali problemi da parte dell'utente o da un tecnico specializzato che potrà collegarsi al sistema da remoto via internet.

Il software che gestisce tutto il sistema Nanoscale Workstation è preinstallato sul mini-notebook in dotazione e permette, grazie l'automazione OLE e i driver LabVIEW, di poter integrare la Nanoscale Workstation in un sistema più grande e anche di utilizzare il sistema da remoto.

Il sistema base è dotato di 2 termometri ed offre accesso elettrico al campione attraverso 29 passanti e 4 pannelli laterali per l'interfaccia di segnali.

Gli ancoraggi termici, posti in diversi punti dello spazio campione, permettono di isolare termicamente il campione dall'esterno mantenendo la temperatura stabile anche con cablature importanti.

La basette possono configurarsi con piattaforme da 190mm o 130mm, mentre lo spazio campione, cilindrico, ha un diametro di 195mm e 71mm di altezza.

Proprietà ottiche non-lineari dei materiali

Gli studi delle proprietà ottiche non lineari dei materiali sono di straordinario interesse per la ricerca legata alla realizzazione del computer fotonico, quali per esempio la realizzazione di circuiti completamente ottici che, tipicamente, richiedono  la disposizione di ottiche in campo aperto e bassissime vibrazioni per la realizzazione delle cavità ottiche.

Proprietà ottiche dei materiali

Gli studi dell'interazione tra luce e materia sono di interesse per la ricerca di base e per quella applicata. Le caratteristiche tecniche della Nanoscale Workstation sono particolarmente interessanti per le applicazioni legate allo sviluppo dell'informatica quantistica.

Sorgenti a singolo fotone a quantum dot

La ricerca in merito alle proprietà dei quantum dot e del loro utilizzo come sorgenti a singolo fotone necessita dell'accoppiamento di essi con delle cavità risonanti. In questi setup ottiche in campo libero e altissima stabilità sono irrinunciabili.

Centri N-V

I centri N-V devono essere accoppiati a risonatori micromeccanici, quindi la stabilità in vibraizone diventa un necessità.

Microscopia

L’opzione Microscope è disponibile anche in versione orizzontale per la Nanoscale Workstation, così da rendere il sistema facilmente integrabile i setup esistenti. Inoltre, il grande spazio a disposizione nella camera del campione permette di realizzare un setup freddo in campo libero al suo interno aggiungendo ottiche, piezo, cablaggi, ecc..

Contatto

Richiedi maggiori informazioni
Product Manager
+39 06 5004204
Fax: +39 06 5010389

I nostri partner


Prodotti correlati

Follow us: twitter linkedin facebook
European offices
© LOT Quantum Design 2016